Guerra e Pace (1865-1869) di Lev Tolstoj

001 (540)La parola recensione in questo caso, più che in altri, è fuori luogo: non penso di essere in grado di avvicinarmi a quest’opera (non ho gli elementi), se non parlando delle sensazioni strettamente personali che la lunga lettura mi ha lasciato. Questo tomo (ed. mammuth newton), regalatomi anni fa, mi ha tenuto compagnia per quasi quattro mesi e ammetto di sentire ora un po’ la mancanza dei personaggi, dell’ampio respiro che offre lo sguardo vivo, appassionato e molto attuale di Tolstoj, e soprattutto dell’incombente senso di fatalità/destino/divinità che muove gli eventi. Oltre alle dimensioni, questo romanzo è monumentale in ogni suo momento, dalla descrizione dei salotti dell’alta società alle più intime turbe sentimentali dei protagonisti, dalla rappresentazione di epiche battaglie all’analisi storiografica che l’autore ogni tanto si concede. Durante la lettura mi sono ritrovato in un mondo “reale” e nelle più disparate situazioni, affezionandomi a personaggi e luoghi e non ho per nulla percepito pesantezza o soffocamento di fronte all’aspetto titanico del romanzo. La forza dell’opera sta, secondo me, proprio nell’alternanza di diverse atmosfere e registri (pur muovendosi tra personaggi di famiglie nobili), permettendoci di sporcarci nel fango e nella confusione delle battaglie più sanguinose e nello stesso tempo di ascoltare brani durante una sera al teatro di Mosca. C’è di tutto in questo romanzo e ne sono uscito sazio, soddisfatto e arricchito, un po’ come quando avevo letto Il dottor Zivago. Anche le lunghe parti teoriche in cui Tolstoj si interroga sul perché di alcuni avvenimenti o sull’importanza dei singoli nella storia universale, non risultano pesanti, anzi riescono nell’impresa di imprimere nell’immaginario un fatto storico molto più di quanto non avvenga sui banchi di scuola. Non intendo aggiungere nulla, la trama la lascio a wikipedia, posso solo confermare quanto si dice in giro e consigliarne la lettura a chiunque. Consiglio inoltre l’ascolto del disco Krieg und Frieden di Apparat, concept minimal techno ispirato al romanzo.

“aveva improvvisamente sentito che ricchezze, potere, vita, tutto ciò che la gente dispone e custodisce con tanta cura, non vale che per il piacere col quale si può abbandonarlo.”

Annunci

2 thoughts on “Guerra e Pace (1865-1869) di Lev Tolstoj

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...