La notte del drive-in (1988) di Joe R. Lansdale

drivein.nbDovevo in qualche modo staccarmi del tutto dal mondo di Tolstoj e ho deciso di recuperare il primo volume della trilogia di Lansdale, autore di culto nel genere diciamo “horror” di cui ancora non avevo letto nulla. Pur non essendo stato amore a prima vista, si è trattato di una lettura scorrevole, poco impegnativa e tutto sommato simpatica. Il nostro ci porta per una notte al drive-in, l’Orbit, famoso nella zona per i suoi venerdì di maratone horror, seguendo le disavventure dei protagonisti e l’evento assurdo che per sempre cambierà le loro vite. Una cometa porterà tenebre impenetrabili e costringerà i clienti del drive-in a restare bloccati senza riferimenti, cibo o altro, portando inesorabilmente a galla ogni bassezza del genere umano. La narrazione resa in prima persona da uno dei ragazzi protagonisti, è scanzonata, quasi disincantata, come se tutto quello che stava succedendo non fosse altro che normale amministrazione e questo forse indebolisce un po’ l’immedesimazione con i personaggi e quindi il tutto risuona poco appassionato. Nello stesso tempo questa leggerezza nel raccontare le peggiori efferatezze permette di digerire la storia con facilità fino a risollevarsi dalle parti del finale, aperto necessariamente al seguito. Tra gli elementi che ho apprezzato, oltre al Re del popcorn (sì, perchè no), c’è di sicuro il tentativo dei protagonisti di scandire il tempo secondo il numero di proiezioni dei film, unico elemento rimasto uguale a prima della catastrofe, lasciando immaginare al lettore una lunga notte horror come sfondo al decadimento della società, tra cannibalismo ed esecuzioni. In conclusione, ammetto di aver pensato per buona parte della lettura “dove andrà a parare?”, trovando il tutto troppo fantasioso anche per un amante del genere come me, ma la curiosità di concludere la serie resta e non è escluso che in futuro riprenda in mano il mondo devastato di Lansdale e i nostri eroi.

“..sappiate che i film sono veri. (più veri del vero) Sono la realtà e voi siete la nonrealtà.

Annunci

10 thoughts on “La notte del drive-in (1988) di Joe R. Lansdale

  1. Ho sentito nominare Lansdale innumerevoli volte ma non ho mai letto nulla di lui, non riuscendo a trovare qualcosa che mi ispirasse veramente.. Dopo questa recensione mi par di capire che nonostante tutto non mi stia perdendo chissà cosa.. cosa dici?

  2. Di Lansdale ho letto “Rumble Tumble” e poi “Sotto un cielo cremisi”: se in futuro tu decidessi di dare un’altra chance a quest’autore, credo che li gradiresti entrambi. Soprattutto “Rumble Tumble” é davvero carino.
    P.S.: Se ti interessa, anch’io ho pubblicato un nuovo post a tematica letteraria. : )

    • grazie del commento e benvenuta nel blog. Io non sono stato stregato da questo libro, ma concederò altre possibilità a Lansdale 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...