Channel Zero – Candle Cove (2016)

441832_cz_24x36_vert_fm-final-page-001-cropUn weekend di tempo libero, un piumone e la gioia di immergersi in un incubo mi hanno fatto assaporare questa miniserie in 6 puntate di cui sentivo parlare in giro (colgo l’occasione per ringraziare Lucia, il suo blog e questo post nello specifico), creata da Nick Antosca e ispirata al creepypasta di Kris Straube dal titolo appunto “Candle Cove“. Il termine creepypasta mi ha sempre fatto sorridere, ne leggevo qua e là online, Continua a leggere

Il racconto dell’ancella (1985) di Margaret Atwood

63La notizia che nel 2017 sarebbe arrivata una serie con Elizabeth Moss (Mad Men) tratta dal romanzo in questione ha spinto il mio pigro interesse a informarmi e mi sono subito immerso nella lettura di questa distopia declinata al femminile, spiazzante e notevole. La Atwood immagina che alla fine del XX secolo gli Stati Uniti siano ridotti ad un regime totalitario in cui le donne sono sottoposte al volere dell’uomo: Continua a leggere

Gli alberi di Satana (1981) di Richard Laymon

9780446905183Siamo in California, nella sperduta cittadina di Barlow, e seguiamo le vicende di due ragazze in viaggio, Sherry e Neala, e di una famiglia fermatasi nel motel della cittadina: qui gli abitanti rapiscono i malcapitati di turno e li offrono in una sorta di sacrificio ai Krull che abitano nella foresta. Uno dei cittadini, invaghitosi di Neala, manderà a monte i piani di queste creature semiumane, scatenando un incubo ancor peggiore.  Continua a leggere

Ballata (2014) John Cheever

9788858852620_quarta-jpg-600x800_q100_upscaleHo trovato molto preziosa questa raccolta di storie brevi scritte da Cheever e rilasciata in formato digitale da Feltrinelli: preziosa e utile per conoscere un autore che non avevo mai letto e che tanto letteratura americana della seconda metà del ‘900 ha influenzato. Sul sito della Feltrinelli viene citata la serie televisiva Mad Men Continua a leggere

Le Avventure di Luther Arkwright (1978) di Bryan Talbot

copertinaAll’inizio degli anni ’80 il mercato dei supereroi  americani stava conoscendo un’altra delle sue innumerevoli crisi. Una manciata di autori proveniente dalla Gran Bretagna, grazie ad un retroterra culturale distante dal quello a stelle e strisce, riesce a ripristinarne la sorte e in parte a rinnovarlo nei contenuti. Gli autori di spicco di quella che venne definita “ondata britannica” furono fra tutti Frank Miller e Alan Moore. Bryan Talbot pur rientrando a buon diritto in quella fortunata generazione non ha conosciuto la straordinaria fama toccata ai suoi connazionali più illustri pur essendo l’autore di una delle più incredibili opere prodotte dal fumetto Inglese.
L’universo all’interno del quale l’eroe, il quale da il titolo al fumetto, si muove è pervaso da abbondanti elementi fantascientifici, non mancano infatti navi Continua a leggere

I pascoli del cielo (1932) di John Steinbeck

image_book-phpAvevo bisogno di una bella lettura consolante, a tratti non impegnativa e mi sono lasciato trasportare nella valle che Steinbeck chiama “pascoli del cielo”, tra luoghi selvaggi e rigogliosi, a conoscerne gli abitanti e le loro storie. Viene considerato un romanzo ma è in effetti una raccolta di racconti più o meno brevi il cui elemento comune è appunto il luogo di ambientazione.  Continua a leggere

Abbiamo sempre vissuto nel castello (1962) di Shirley Jackson

abbiamo01Un tragico evento passato, rimasto senza colpevoli, costringe le sorelle Blackwood a vivere isolate nella loro grande casa, prendendosi cura dello zio infermo: l’arrivo del cugino Charles stravolgerà gli equilibri in modo definitivo. Leggendo questo piccolo splendido romanzo ho avuto la sensazione di essere condotto per mano molto delicatamente attraverso le grandi stanze e corridoi della villa delle protagoniste: Continua a leggere