Il mondo sommerso (1962) di J.G. Ballard

9788807885983_quartaIn seguito a forti radiazioni e tempeste solari, le calotte polari hanno iniziato a sciogliersi sommergendo i continenti, trasformando le metropoli in lagune tropicali e lasciando l’umanità confinata nei poli cercando nuovi modi di sopravvivere. Dopo molti anni l’esercito scorta ancora biologi nelle lagune per conoscere le nuove specie animali e vegetali che popolano questo nuovo mondo, il biologo Kerans sembra però essere affascinato in un modo diverso dalla nuova realtà anche a causa di strani sogni ricorrenti. Continua a leggere

L’estate che sciolse ogni cosa (2016) di Tiffany McDaniel

l-estate-che-sciolse-ogni-cosa-tiffany-mcdaniel-xi-edizione-edizioni-di-atlantide-960x1299Il caso ha voluto che abbia dato una chance a questo romanzo che rimbalzava da anni nei consigli di lettura online e non solo proprio all’inizio di una delle estate più calde degli ultimi anni e mentre l’afa sembra non finire, io mi sono incollato alle pagine di questa opera prima. Continua a leggere

Todo Modo (1974) di Leonardo Sciascia

TodoModoLa rilettura de Il giorno della civetta (qui) mi aveva permesso di affrancare Sciascia dalla limitata visione degli anni scolastici; la più recente lettura di Todo Modo ha maturato ulteriormente il mio giudizio su questo importante autore.
Ho acquistato il libro con l’idea, ma anche la speranza, di ritrovare intatti tutti gli elementi che già avevo apprezzato nella precedente esperienza di lettura. Avevo, in qualche modo, associato l’autore siciliano ad un genere: poliziesco, colto, imperniato di attualità e con elementi di denuncia sociale, una sorta di “genere Sciascia”. Sbagliavo. Sciascia non può essere considerato un autore seriale, di genere, in quanto non reitera, non ripete. Certamente è possibile rintracciare nei Continua a leggere

La ragazza dai capelli strani (1989) di David Foster Wallace

la_ragazza_dai_capelli_straniUn giovane avvocato repubblicano che si diverte con amici punk e col vizio di spegnere sigarette sulla sua ragazza, un giovane ebreo che confessa il suo adulterio alla famiglia, una ragazza vince il quiz Jeopardy! per più di 700 puntate, una visione del vice presidente Lyndon Johnson attraverso la vita di un suo assistente, un’attrice deve affrontare un’intervista da David Letterman Continua a leggere

L’anomalia (2020) di Hervé Le Tellier

s-l1600Nel marzo 2021 un aereo in viaggio da Parigi verso New York finisce in una tempesta fuori dalla norma ma riesce comunque ad atterrare: circa tre mesi dopo lo stesso aereo con gli stessi passeggeri si mette in contatto con la torre di controllo, sembra sbucato fuori dalla stessa perturbazione ed è l’inizio di un mistero allucinante. Continua a leggere

Il giorno della locusta (1939) di Nathanael West

61GkpuHbX9LComplice una serie di fortunate coincidenze, l’aver sentito parlare del film tratto dal libro diretto da John Schlesinger anni dopo e l’aver mollato un mattone di premio strega di qualche anno fa, sono arrivato a scoprire un autore che conoscevo ma che ancora non avevo mai letto attraverso un’opera non imponente ma devastante nella sua modernità e nella sua onestà. Ho potuto apprezzare ancora di più questa scelta, perché sempre casualmente e su consiglio del nostro Gc, sto recuperando in questo periodo il documentario in 15 episodi The Story of Film – An Odissey (disponibile su Raiplay) Continua a leggere

Finzioni (1944) di Jorge Luis Borges

finzioni_borgesLa mia prima esperienza con Borges non poteva che essere più fortunata: un piccolo libro di poche pagine dal formato minuscolo, allegato a suo tempo alla rivista Epoca e finito per sbaglio o volutamente nella mia biblioteca, seguendomi nei traslochi e finendo in questo inizio 2022 sul mio comodino, ha finito per ridefinire in parte i miei orizzonti letterari. Continua a leggere

Teatro grottesco (2006) di Thomas Ligotti

teatro-grottesco-350x486Complice un’edizione italiana dalla copertina che non passa inosservata, mi sono lasciato catturare e stordire dalla raccolta di racconti (?) di Ligotti e ho scoperto un nuovo modo di affrontare l’horror e non solo. Cresciuto a colpi di Stephen King, ho sempre visto l’orrore come qualcosa che si insinua nell’apparente normalità della società contemporanea: Continua a leggere

Il fascismo eterno (1995) di Umberto Eco

fascismoQuesto blog è sempre stato caratterizzato da un certo distacco nei confronti del mondo. La frequenza delle recensioni e le recensioni stesse soggiacciono ad un logica del tutto anarchica che, certamente, non gli permetteranno mai di decollare, ma di cui i due autori, tutto sommato, si compiacciono.
Ecco questo è un caso del tutto diverso e forse anomalo per Recensioni Amichevoli: la recensione nasce (più che recensione si tratta di uno spassionato consiglio di lettura) dall’attualità delle ultime settimane che ha riportato il fascismo e la sua eredità al centro della discussione politica; a scanso di equivoci non ci stiamo riferendo al parossismo del 9 ottobre.
Il saggio è la trascrizione, riveduta e corretta, di un simposio tenuto da Umberto Eco nel 1995 alla Columbia University. Credo che la sua lettura sia di fondamentale importanza per inquadrare il problema dell’apologia fascista Continua a leggere

Finitudine (2020) di Telmo Pievani

finitudineChi ama leggere tende ad essere molto prodigo di consigli, così parlando tra appassionati si finisce sempre per dare, ma soprattutto per ricevere, una grossa quantità di suggerimenti: pochissimi di questi però si trasformano in letture vere e proprie. Questo libro costituisce un’eccezione: segnalato dal mio collega di blog, mi ha subito incuriosito e in poco tempo me lo sono regalato e letto.
Telmo Pievani scrive un’opera dalle due anime, se ne trova traccia già in copertina: in quel sibillino “romanzo filosofico”. A voler essere più precisi siamo di fronte ad un saggio, filosofico appunto, contenuto da un romanzo che ne costituisce una sorta di abbondante cornice narrativa.
La parte romanzata è quella che mi ha convinto e entusiasmato meno, se la dovessi definire con un aggettivo utilizzerei: pretestuosa.  Sembra quasi che l’autore abbia sentito la necessità di scrivere un saggio senza il Continua a leggere